Motorhead – The world is yours


in by

motorhead The world is yours

Recensione

motorhead The world is yoursNon c’è niente da fare i Motorhead sono e sempre saranno una garanzia.

Il gruppo arrivato ormai al ventesimo album in studio, continua imperterrito per la sua strada fatta di Rock ‘n’ Roll grezzo e potente.
Chi conosce la band sa quindi cosa aspettarsi, niente sorprese.. o forse si! una sorpresa c’è ed è la qualità dell’album davvero sopra le righe, non una canzone che stanca e non una nota fuori posto! Sarà che Lemmy Kilmister è come il vino che più invecchia..

 

Per togliere ogni dubbio The world is yours inizia con un titolo che è tutto un programma: Born to lose. Il nome non suona nuovo vero? ricorda Iron horse/Born to lose..

Ecco, la prima traccia da bene l’essenza vera del disco: dieci tracce, dure, pure e prive di qualsiasi compromesso come solo i Motorhead sanno fare.

Godetevi allora Get back in line (scelta come singolo) la coinvolgente Devils in my head, davvero potente e anthemica o la classica Rock ‘n’ roll music ( e ditemi se non vi viene in mente High Voltage dei mitici AC/DC!).

Un disco davvero superlativo, non stupitevi quindi se in Brotherhood of man (qui la voce di Lemmy è più roca che mai..) troverete una seconda Orgasmatron, se Outlaw vi farà saltare come dei pazzi o se I know what you need vi coinvolgerà già dal primo ascolto.

Bye bye bitch bye bye è puro Rock’n’ Roll all’ennesima potenza e chiude divinamente questo The world is yours: dieci pezzi di pura energia!

 

Tracce
1 – Born to lose
2 – I know how to die
3 – Get back in line
4 – Devils in my head
5 – Rock ‘n’ roll music
6 – Waiting for the snake
7 – Brotherhood of man
8 – Outlaw
9 – I know what you need
10 – Bye bye bitch bye bye

Formazione
– Lemmy Kilmister – basso, voce
– Phil Campbell – chitarra
– Mikkey Dee – batteria