Furyu – Ciò che l’anima non dice


in by

furyu

furyu

Ciò che l’anima non dice è il primo album del gruppo Furyu band dedita ad un riuscitissimo mix fra metal, rock progressive e sonorità sperimentali.

L’ottima tecnica e la splendida performance dei singoli membri emerge fin dal primo pezzo Illusione dei miei giorni, brano metal/progessive che alterna riff metallici (a tratti echeggia lo stile dei Metallica di And Justice for All) tecnicismi e sprazzi melodici.

E poi la luce (seconda traccia) è uno dei brani più riusciti del disco, ispirato nelle sue lunghe fughe strumentali, che si dipanano negli otre 8 minuti di durata del brano. Un plagio anche alle linee vocali, interpretate e recitate da Giovanni Notarangelo. La sua voce e il suo stile mi ricorda da vicino Franz Goria, voce dei mai troppo compianti Fluxus, gruppo noise/rock italiano.

Più tecnica e cervellotica è Un momento e vado a fuoco, mentre la successiva Finalmente io sono, caratterizzata da riff accattivanti e ben strutturati, si muove inizialmente su sonorità più dirette e coinvolgenti ; da applausi lo stacco centrale carico, intenso e ricco di phatos.

La vastità del mio tempo inizia con un bellissimo lavoro di chitarra per poi evolversi (e a volte forse perdersi) in un metal/progressive ultratecnico dalle mille sfaccettature. Segue a ruota l’acustica Ciò che l’anima non dice brano di ampio respiro che chiude l’album.

Devo dire che Ciò che l’anima non dice è un album di ottima fattura, a volte forse di difficile assimilazione ,ma con momenti di altissima musica.

Gruppo dalle grandi potenzialità.

Formazione

Cantante: testi recitati da Giovanni Notarangelo
Chitarra: Giulio Capitelli & Federico Melandri
Basso: Michele Zappoli
Tastiere: Damiano Storelli
Batteria: Riccardo Grechi

Tracce

Illusione dei miei giorni
E poi la luce
Un momento e vado a fuoco
Finalmente io sono
La vastità del mio tempo
Ciò che l’anima non dice

Leggi la scheda del gruppo Furyu


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *