Iron Maiden – Piece of Mind


in by

iron maiden piece of mind

Recensione 

iron maiden piece of mind

Uscito nel 1983 per la Emi Records, Piece of Mind è uno dei capolavori indiscussi di tutta la scena Heavy Metal e dell’ intera discografia degli Iron Maiden.

L’album segna l’abbandono del vecchio batterista Clive Burr (per problemi di salute) a favore del più tecnicamente dotato Nicko McBrain (proveniente dalla band Trust).

Piece of Mind spicca subito per una produzione pulita e potente, per mano del famoso produttore Martin Birch che in questo album si è davvero superato.

Il disco si apre con Where Eagles Dare uno dei brani più rappresentativi di tutta la carriera degli Iron Maiden.

La canzone (ispirata al film Dove osano le aquile) è una cavalcata epica di 6:10 che mette subito in risalto le doti del nuovo batterista Nicko McBrain, e conferma lo stato di salute della band britannica che ci consegna uno dei pezzi più epici e spettacolari della sua discografia.

Segue la più melodica Revelations dove troviamo una performance sopra le righe del cantante Bruce Dickinson, che firma un brano intenso ed emozionante.

Flight of Icarus ( ispirata alla leggenda greca Icaro) è un mid tempo dal refrain ficcante ed evocativo, mentre la successiva Die With Yours Boots On accellera i ritmi consegnandoci ancora una volta una spettacolare performance di Steve Harris e soci.

La canzone numero 5 è l’eterna The Trooper, sempre presente nelle esibizioni live della band inglese. La musica del brano, epica e battagliera, rispecchia a pieno il testo che parla di un soldato che combatte durante la guerra di Crimea tra Regno Unito e Russia.

Still Life, che inizia melodica ed atmosferica per poi esplodere in tutta la sua potenza, è l’ennesimo capolavoro di Piece of Mind. Segue Quest for Fire dal testo che narra la scoperta del fuoco dagli uomini primitivi.

Sun and Steel (scritta da Adrian Smith e ispirata alla leggenda del samurai Miyamoto Musashi) è diretta e potente ed ha nel refrain anthemico il suo punto di forza.

Spetta a chiudere l’album la magnifica To Tame a Land, che si apre con un intro melodico per poi decollare in riff potenti e lunghe fughe strumentali.

Uscito nel 1983 Piece of Mind è un’album che non cessa mai di affascinare e che racchiude in se tutta l’essenza della musica degli Iron Maiden.

 

Tracce

1. Where Eagles Dare (Harris) – 6:10
2. Revelations (Dickinson) – 6:48
3. Flight of Icarus (Smith/Dickinson) – 3:50
4. Die With Your Boots On (Smith/Dickinson/Harris) – 5:25
5. The Trooper (Harris) – 4:11
6. Still Life (Murray/Harris) – 4:55
7. Quest for Fire (Harris) – 3:41
8. Sun and Steel (Dickinson/Smith) – 3:26
9. To Tame a Land (Harris) – 7:25

 

Formazione

* Bruce Dickinson – voce
* Dave Murray – chitarra
* Adrian Smith – chitarra, cori
* Steve Harris – basso, cori
* Nicko McBrain – batteria

Recensione album scritta da Simo


    Leave a Reply

    Your email address will not be published. Required fields are marked *